Quando, nel 1974, assunsi la direzione del Coro, sapevo, avendone fatto parte, di ereditare un complesso già affermato e preparato ad affrontare impegni sempre più importanti. Ho cercato di sviluppare le potenzialità vocali ed interpretative del complesso, in un bellissimo clima di amicizia e collaborazione. Ho provato a sublimare questo nostro spirito triestino, sempre disincantato e un po' dissacrante, ritrovandolo, ubbidiente alle diverse esigenze musicali, nelle espressioni di struggente sentimento, di coinvolgente allegria, di sentita religiosità. Il nostro lavoro è stato premiato da molti riconoscimenti e soprattutto dall'affetto di chi ci segue da molti anni.

Per quel che mi riguarda, ho ricevuto dal Coro certamente più di quello che ho dato e che ancora mi auguro di poter dare. Di questo voglio ringraziare i coristi che, mi sono sempre stati vicini, aiutandomi, consigliandomi, volendomi bene.

 

(Tullio Riccobon  -  Direttore del Coro Illersberg)